Arcangelo_Sandalphon.jpg

Occorre sapere che l’Arcangelo Sandalfon è uno dei due soli Arcangeli i cui nomi non terminano con “EL”, nome che – al tempo stesso – è uno dei nomi di Dio in ebraico. L’altro Arcangelo il cui nome non finisce con “EL” è l’Arcangelo Metatron, con il quale – si potrebbe dire – Sandalfon crea una sottile relazione di complementarità. Questo è il motivo per cui si dice che l’Arcangelo Sandalfon rende possibile la manifestazione di una misteriosa e sublime energia divina femminile che aiuta a integrarci nel modo migliore possibile e armonioso nel mondo fisico concreto ed anche nella misteriosa realtà divina.

Entrambe le tradizioni ebraica e cristiana affermano che l’Arcangelo Sandalfon è uno dei messaggeri principali di Dio che ha, tra gli altri compiti – quello di “raccogliere” – potremmo dire – tutte le preghiere oneste, pure, pieno di amore e di fede, degli esseri umani e poi le porta e presenta a Dio, perché Egli le analizzarli con la sua perfetta lucidità e con la sua saggezza unica. Poi, è Dio e Lui solo, che risponderà (a) quelle preghiere in un determinato modo. Per questo motivo, l’Arcangelo Sandalfon è menzionato molte volte e spesso invocato nella tradizione ebraica, in vari inni e preghiere. Non a caso, l’Arcangelo Sandalfon è anche considerato il cosiddetto fratello gemello di Arcangelo Metatron e nel Libro dello Zohar (titolo che in italiano potrebbe essere tradotto come Il Libro degli Splendori Divini), egli è intimamente associato al Regno misterioso di Dio (alla Sephira Malkuth), ma anche con l’onnipresenza divina dell’eterno femminino, lo Spirito Santo, che – nella tradizione ebraica – si chiama Shekhinah e nella tradizione orientale è conosciuta come Mahashakti, l’Eterno Femminile o altrimenti detto Spirito Santo, che impregna e abbraccia nello stesso tempo l’intera manifestazione, l’intera creazione divina attraverso il suo splendore e le sue energie femminili.

Per questo motivo l’Arcangelo Sandalfon è talvolta chiamato l’Arcangelo dello Spirito Santo. Ed è per questo che si dice che aiuta coloro che lo invocano con fermezza e fede di integrare la loro anima, e se la loro anima non è risvegliata, li aiuta a farlo. Dopo che aiuta e sollecita ad integrare le loro anime con poteri e le meraviglie divini,che sono sempre presenti nella creazione di Dio; in questo modo egli esorta costantemente l’intera umanità verso la scoperta dell’energia sottile sublime del divino ed infinito amore. Perché Arcangelo Sandalfon è il mediatore principale tra le preghiere, così profondamente benefiche, piene di ferventi aspirazioni dell’anima umana e lo Spirito trascendente divino, egli è descritto in modo simbolico come così alto da aver i piedi posizionati sulla terra e la testa che raggiunge il cielo.
Il nome di questo Arcangelo sembra avere un’origine incerta. Una delle ipotesi più accreditata è che il suo nome, Sandalfon, deriva dal greco sun (insieme) e adelphos (fratello). Detto in altro modo, non è solo il compagno (mate) e amico dell’ Arcangelo Metatron, ma anche il suo fratello spirituale. Inoltre, questi due Arcangeli, Sandalfon e Metatron, a volte sono descritti come essere gli unici Arcangeli che emersero attraverso un processo di accelerata evoluzione interiore che ha reso possibile un processo di divinizzazione straordinaria (glorificazione) di alcuni esseri umani che sono stati inizialmente scelti e poi innalzati al cielo grazie la volontà di Dio.
Questo potrebbe spiegare il motivo per il quale, essi (Sandalfon e Metatron) sono – come abbiamo mostrato – gli unici Arcangeli i cui nomi non contengono ‘EL’ il suffisso. E ‘bene sapere che alcuni trattati cabalistici affermano che l’Arcangelo Sandalfon è in realtà il risultato di una trasfigurazione angelica del Profeta Elia e Arcangelo Metatron è il risultato di un processo di trasfigurazione angelica del grande iniziato Enoch.
Un’altra versione dell’origine del nome dell’Arcangelo Sandalfon è che deriverebbe dalla parola ‘sandalo’ (la calzatura), avendo qui il suffisso ‘PHON’ il significato del misterioso potere creativo e formativo. Guardando le cose da questo punto di vista esoterico, diventa quindi possibile affermare che l’Arcangelo Sandalfon è, simbolicamente parlando, le “scarpe” segrete della presenza e manifestazione dello Spirito Santo, ls Shekhinah, che in realtà altro non è che l’Eterno Femminile, o Mahashakti.
Guardando questi aspetti da questo punto di vista, diventa così possibile per noi dire che egli è il sostegno della manifestazione e rivelazione della presenza divina femminile, Shekhinah o Mahashakti.Detto in modo diverso, Sandalfon è uno dei  veicoli della presenza divina femminile, sia nella realtà invisibile sia nella manifestazione visibile.
L’Arcangelo Sandalfon si è manifestato in molte forme e ipostasi. Un aspetto particolare nel suo caso è che alcune di queste manifestazioni sono ovviamente femminili. A causa di questo, l’Arcangelo Sandalfon, così come è stato spesso descritto da alcuni chiaroveggenti ed iniziati,  appare e si manifesta sotto forma di una donna di straordinaria bellezza che ha abiti meravigliosi e l’atteggiamento maestoso di una regina, ornata con alcuni simboli sacri che esprimono alcuni aspetti della sua natura divina; fra questi il potere divino che rende possibile la realizzazione di tutti le  superiori, sublimi, ideali aspirazioni, e porta nella manifestazione la grazia divina illuminante.

Inoltre, si dice anche che l’Arcangelo Sandalfon è in contatto continuo ed in comunione con le armonie sublimi divine – musicali, che risuonano a livello sottile. Per questo egli è talvolta chiamato l’Arcangelo della Musica Divina. Comprendendo questo aspetto come si dovrebbe, diventa facilmente possibile intuire che è quindi possibile per gli yogi, invocando la sua presenza nel loro universo interiore, avere un’ ineffabile esperienza interiore della musica sublime o dell’armonia di risonanza delle sfere misteriose che esistono nel macrocosmo.
E’ quindi ovvio che Dio affidò all’ Arcangelo Sandalfon, così come all’Arcangelo Metatron, importanti missioni divine, immortali date loro per premiarli in modo divino per le azioni divine profondamente benefiche, che hanno compiuto durante la vita fisica sulla terra. Agendo in questo modo, per ragioni divine che sono noti solo a Dio, Dio stesso ha permesso all’Arcangelo Sandalfon e anche all’Arcangelo Metatron di continuare le loro azioni  divine nel cielo. La Bibbia menziona molti miracoli e buone azioni che sono state fatte sulla terra da questo grande santo che fu il profeta Elia. Tuttavia, egli è riuscito a realizzare tutto questo grazie alla sua perfetta, profonda e incrollabile fede in Dio. Sappiamo tutti che il saggio e il grande profeta Elia fu uno dei testimoni sul monte Tabor, che ha aiutato il processo di trasfigurazione divina, viso e corpo, di Gesù Cristo.
In questa ipostasi divina, miracolosamente trasfigurato, Gesù Cristo verrà al momento giusto, alla fine dei tempi in cui saremo tutti testimoni della seconda venuta di Gesù nella divina piena gloria.
L’Arcangelo Sandalfon è rappresentato come un Arcangelo alto, sobriamente vestito di nero, con un mantello (mantello) di pura energia femminile che emette senza sosta colorate scintille luminose. L’Arcangelo Sandalfon è citato in alcuni scritti antichi come un maestro di brillante ispirata, celeste musica divina. I messaggi ispiratori dell’Arcangelo Sandalfon volano – quando necessario – verso di noi e influenzano il nostro essere, sottoforma di dolci sussurri, profondamente incantevoli e sono così raffinati, puri, paradisiaci e delicati che – se non siamo abbastanza attenti o non siamo in grado di percepire istantaneamente – possono passare senza che ce ne accorgiamo.
Per questo motivo, quando si invoca la presenza dell’Arcangelo Sandalfon nel nostro universo interiore, in modo fermo e pieno di fede, dobbiamo essere particolarmente attenti a non perdere alcuno dei doni che egli riversa nel nostro essere come sublimi manifestazioni che si volatilizzano molto velocemente. Tenuto conto del fatto che l’Arcangelo Sandalfon ci aiuta e incoraggia saggiamente, soprattutto quando aspiriamo a trovare una direzione che è profondamente saggio e in sintonia con la nostra missione in questa vita, egli ci aiuta in un modo molto speciale e ci guida a fare passi sicuro e fruttuosi sul sentiero spirituale che abbiamo abbracciato.
E’ un gran bene, soprattutto dopo aver richiamato la sua presenza nel nostro universo interiore, realizzare subito in sintonia con lui, spirituali e divine meditazioni e dopo qualche tempo scopriremo che le esperienze divine catalizzate nel nostro universo interiore dalla sua presenza sono molto profonde e sono quasi ogni volta accompagnate da risposte incredibili, pieni di saggezza.Ora realizzeremo l’esemplificazione spirituale quando invocheremo in modo chiaro e fermo nel nostro universo interiore la presenza divina, inesprimibile attraverso le parole dell’ Arcangelo Sandalfon.

(Testo di Gregorian Bivolaru)